Spotting pillola dimenticata

2

Nei confronti delle donne i contraccettivi orali possono causare diversi effetti collaterali tra i quali lo spotting. Le pillole a causa delle quali può manifestarsi lo spotting possono contenere diversi dosaggi e diversi principi attivi.

Ad esempio, il rischio di spotting derivante dall’assunzione della pillola Yaz (che contiene 0,020 mg di etinilestradiolo e 3 mg di drospirenone), è lo stesso di quello derivante dall’assunzione della Bonisara (che contiene 0,03 mg di etinilestradiolo e 2,0 mg di dienogest).

Va detto che le pillole del giorno dopo contenenti dosi molto elevate dell’ormone progestinico levonorgestrel causano più frequentemente lo spotting rispetto ai contraccettivi orali combinati che contengono dosi ridotte di ormoni progestinici e estrogeni.

Le pillole del giorno dopo in grado di causare lo spotting nei confronti delle donne sono in vendita nelle farmacie italiane con i nomi commerciali Afterel, Naomi, Stromalidan, NorLevo, e Escapelle. Negli altri paesi del mondo, le pillole per la contraccezione d’emergenza possono essere in vendita con altri nomi originali.

Per quanto tempo i contraccettivi orali possono causare lo spotting?

Le pillole contenenti ormoni possono causare lo spotting intermestruale anche dopo molti anni di assunzione. Nella stragrande parte parte dei casi, lo spotting non crea rischi potenziali per la salute delle donne e non rappresenta un sintomo di pericolose patologie.

Dovranno osservare una particolare cautela le donne che in precedenza non hanno mai assunto contraccettivi ormonali. Se una volta assunte le pillole lo spotting si manifesta giornalmente, sarà opportuno informare a proposito il proprio medico curante.

Al fine di ridurre il rischio di spotting, il medico potrà prescrivere altre pillole ormonali oppure raccomandare il ricorso ad altri metodi di contraccezione (ad esempio, il metodo a barriera oppure la sterilizzazione chirurgica).

Se al termine del periodo di assunzione delle pillole lo spotting non scompare, occorre sottoporsi a visita medica e diagnosticare la causa dello spotting intermestruale.

Le pillole non rappresentano l’unico mezzo di contraccezione in grado di causare lo spotting. Oltre alle pillole, lo spotting indesiderato può essere causato da contraccettivi iniettabili, transdermici, implantari e intrauterini.

Spesso lo spotting si manifesta solamente perchè la donna ha saltato il dosaggio di una pillola oppure non ha osservato il regime di dosaggio del contraccettivo ormonale.

Per aver saltato un solo dosaggio del contraccettivo, il rischio di gravidanza aumenta di alcune volte. Pertanto, in alcuni casi lo spotting rappresenta il sintomo di una contraccezione ormonale non efficace.